fbpx

Ogni volta che impariamo qualcosa di nuovo, noi stessi diventiamo qualcosa di nuovo”.

È una citazione di Leo Longanesi che mi ha sempre ispirato nella mia vita.  In fondo, tutto cambia e sarebbe da veri illusi pensare che facendo sempre le stesse cosa si possa migliorare.

Questa frase mi piace per introdurre la storia di Claudio Bernardelli, 39enne livornese. L’ho conosciuto a uno dei miei corsi Aste Immobiliari  e mi ha raccontato il suo percorso.

Oggi è l’amministratore delegato di Edilmia, una società che si occupa principalmente di ristrutturazioni.

Per arrivare fino alla guida dell’azienda,  ne ha dovuta macinare di strada! Suo nonno e suo padre, non gli hanno regalato nulla.

«Ho iniziato da piccolo a costruire case con i Lego, poi dopo la scuola, aiutavo mio padre e mio nonno. Facevo la calcina e le case iniziavo a costruirle davvero. Finché una vocina dentro si è accesa, avrei fatto l’imprenditore. Volevo sapere tutto, ma proprio tutto del mercato dove andavo ad affacciarmi».

Claudio, dal 2006, da quando ha preso la guida dell’azienda, non ha mai smesso di voler imparare cose nuove. Ha seguito molti miei corsi e ha saputo trasferire a tutti la sua voglia di provare sempre business diversi:

«Immobiliare non è una parola, ma un mondo. E solo se sei curioso e hai voglia di esplorarlo tutto, puoi davvero ritagliarti uno spazio interessante e fare buoni affari».

Immobiliare: il tuo amico è il cliente

Claudio ha saputo rinnovare l’azienda familiare pur senza farle perdere la sua precisa identità: l’attenzione per il cliente, la volontà di instaurare un reale rapporto di fiducia, fatto di reciproci vantaggi.

Per imparare come trovare la giusta chiave tra innovazione e tradizione, ha seguito il suo istinto e ha saputo aprirsi a nuove strade:

«Le aste immobiliari e le quote, il saldo a stralcio, come la cessione di compromesso. Erano tutte opportunità che si aprivano davanti ai miei occhi.  Per fare chiarezza ho cercato un mentore e Antonio è stata la guida che ho scelto per orientarmi in tutte queste nuove attività».

Aste immobiliari, 25mila euro in tasca con la prima operazione

Ai corsi, Claudio si distingue subito tra gli studenti più attenti ed operativi. Quello che lo differenzia dagli altri è la voglia di mettersi subito in gioco. Dopo un corso sulle Aste Immobiliari, decide di lanciarsi nel business e dopo un’attenta analisi prova a fare soldi con le prime case all’asta:

«La mia prima asta aveva come oggetto un appartamento al centro di Livorno, 70 metri quadri e un prezzo iniziale di 42mila euro. Insieme al mio team, abbiamo valutato se ristrutturarlo o meno. Dato che le spese di ristrutturazione non avrebbero, tuttavia, garantito un ritorno maggiore, alla fine abbiamo deciso di fare solo piccoli lavori e rivenderlo».

Vediamo in dettaglio la prima asta immobiliare di Claudio:

Non male per una prima operazione. Dopo questo “rito di iniziazione” ha realizzato altre tre aste di cui aspetta l’esito della rivendita e che racconteremo in un prossimo articolo del blog.

Qui puoi leggere anche la storia di Giovanni Rossi >>> Dalla finanza a mago delle Aste Immobiliari .

aste immobiliari

3 lezioni su come fare l’imprenditore immobiliare

Claudio ama trasferire quello che ha imparato agli altri, ai suoi clienti, ai soci, ai colleghi, come agli imprenditori che si affacciano sul mercato. Ci svela quali sono le tre lezioni più importanti che chi fa impresa deve conoscere a memoria:

  1. Impara prima da solo e sperimenta, ti servirà a capire come funziona il mercato e soprattutto se è quello che vuoi fare davvero nella vita. “L’importante – spiega Claudio – è cominciare, da qualche parte, in qualche modo, e vedrai che quello che sembrava inarrivabile o troppo grande, fatto a piccoli passi verrà realizzato”.
  2. Trova un mentore, non sarai mai nessuno senza una guida. Una persona con più esperienza di te sulle spalle ti aiuterà a non fare errori grossolani e un suo consiglio potrebbe salvarti dal crack.
  3. Forma un team, l’immobiliare è un lavoro di squadra. Cerca i migliori e i più motivati che conosci e inseriscili in un progetto in cui si sentano protagonisti.

Ti è piaciuta la storia di Claudio? Lui è uno dei corsisti che ho avuto il piacere di conoscere e formare. La mia soddisfazione più grande è quella di vedere lui, come tutti gli altri, sviluppare operazioni di successo.

Ti aspetto al Corso Aste, così un giorno avrai anche tu una bella storia da raccontare, come quella di Claudio e Giovanni! Trovi tutte le info >>> Qui.

Buona Vita

Antonio Leone